CdA CNR Sintesi

Sintesi del CdA del 22 febbraio 2017

Cari colleghi,
lo scorso 22 febbraio 2017 si è tenuto l’ultimo CdA del CNR con l’ordine del giorno disponibile sul sito a questo link.

Il punto 3 (NOMINA COMMISSIONE PER LA SELEZIONE DEL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO SCIENZE BIOMEDICHE) è stato rinviato per alcune divergenze in seno al consiglio circa le modalità di scelta di tale commissione. Nel corso della discussione ho chiesto di acquisire al consiglio le risultanze della “Verifica di eventuali incongruenze e/o incompatibilità nel comportamento del Direttore del Dipartimento di Medicina del CNR” richiesta dall’allora presidente Maiani e ultimata il 17/11/2009. Trattandosi di un documento discusso in precedenti CdA, la cui composizione è del tutto diversa da quello attuale, ho ritenuto che la conoscenza di tale verifica da parte degli attuali membri del CdA fosse propedeutica alle future decisioni in merito al Dipartimento di Scienze Biomediche che, come noto, è nato includendo i vecchi dipartimenti di Medicina (oggetto della verifica) e di Scienza della Vita.

Al punto 4 è stata approvata la modifica di denominazione dell’Istituto di Biomembrane e Bioenergetica (IBBE) in Istituto di Biomembrane, Bioenergetica e Biotecnologie Molecolari (IBIOM).

Al punto 5 sono state approvate le variazioni di bilancio richieste dai centri di spesa dell’Ente.

Al punto 6.1 è stato nominato Massimo Stipo – professore Ordinario di diritto Amministrativo – come presidente del concorso pubblico, per titoli ed esami, a tre posti di dirigente di II fascia a tempo indeterminato presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche – bando 364.188 del 30 dicembre 2013, a seguito delle dimissioni del Dott. Amedeo Urbano intervenute lo scorso 9 gennaio 2017.

Al punto 6.2 è stato dato parere positivo alla validità curriculare del dott. Alessandro Preti, selezionato dal DG, per l’affidamento incarico ex art. 19 del D.Lgs.165/2001 di dirigente dell’Ufficio Stato Giuridico e Trattamento Economico del Personale.

Al punto 6.3 è stato prorogato un comando di personale presso l’INAIL con oneri a completo carico dell’INAIL stesso.

Al punto 6.4 è stata approvata la selezione di un posto di collaboratore di Amministrazione per la Regione Puglia, riservato alle categorie protette di cui all’art. 1 della legge 68/99.

Al punto 6.5 è stata approvata l’emanazione del bando per la Direzione dello IOM.
L’OdG è stato integrato con i punti 6.6 e 6.7 per emanare bandi relativi alle direzioni dell’IMATI e dell’ICCOM.

Il punto 7 (PROPOSTA DI APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INVESTIMENTI E DELLE DISMISSIONI IMMOBILIARI DEL CNR 2017-2019) che, per la parte degli investimenti riguarda interventi sul territorio del comune di Catania, è stato rinviato per ulteriori approfondimenti.

Al punto 8.1 è stata prorogata la durata della SOCIETÀ PROGETTO TRADUZIONE TALMUD BABILONESE S.C.R.L.

AL punto 8.2 è stata approvato l’atto integrativo alla Convenzione quadro tra il Senato della Repubblica e l’Università degli Studi di Pavia, stipulata in data 14 aprile 2016 e avente ad oggetto la partecipazione del CNR all’attivazione e organizzazione del Master universitario di primo livello sul tema «Il linguaggio del diritto. Scrittura tecnica e cultura linguistica per il buon funzionamento della pubblica amministrazione e della giustizia» che prevede il finanziamento di n. 3 borse di studio annuali, per tre anni accademici consecutivi, di importo da determinare ai sensi della Convenzione e comunque nel limite massimo di euro 4.000 ciascuna.

Al punto 9 è stata approvata la sostituzione del rappresentante supplente per IUTAM nella persona della dott.ssa Eleonora Carletti, attuale direttore f.f. di IMAMOTER.

Al punto 10 è stata approvata la sostituzione presso l’International Federation of Automatic Control (IFAC) del prof. Patrizio Colaneri (associato all’IEIIT) come rappresentante titolare per il CNR in IFAC e del dott. Fabrizio Dabbene (primo ricercatore CNR presso IEIIT) come rappresentante supplente.

Al punto 11 (VARIE ED EVENTUALI) ho sottolineato la necessità di individuare un percorso condiviso per le modifiche statutarie e regolamentari richieste dal recente decreto Madia. Ho fatto notare che altri EPR, ad esempio INFN, INGV e INAF, hanno già costituito dallo scorso dicembre gruppi di lavoro che lavorano in tal senso ed hanno individuato un percorso per sottoporre le proposte all’attenzione della comunità interna prima della loro approvazione in CdA.
Questo tema è stato anche l’oggetto della riunione dei rappresentanti eletti negli Enti pubblici di Ricerca che si è tenuta nel pomeriggio del giorno 22 presso la sede centrale del CNR.

Lascia un commento