CdA CNR Sintesi

Sintesi del CdA del 6 aprile 2017.

Cari Colleghi,
il giorno 6 aprile si è tenuto l’ultimo CdA dell’Ente il cui OdG è disponibile a questo link.

  • Al punto 1 è stata effettuata l’audizione dei candidati per la selezione del direttore del dipartimento scienze umane e sociali, patrimonio culturale (DSU).
    I candidati idonei a seguito della procedura di selezione erano: Gilberto Corbellini, Massimiliano Marazzi, Mario Pianta.
    A seguito dell’audizione, il consiglio ha deciso per la nomina di Gilberto Corbellini.

  • Al punto 2 è stata effettuata l’audizione dei candidati per la direzione dell’istituto Superconduttori, Materiali Innovativi e Dispositivi (SPIN). I candidati idonei a seguito della procedura di selezione erano: Carlo Ferdeghini, Giovanni Piero Pepe, Marina Putti.
    A seguito dell’audizione, il consiglio ha deciso per la nomina di Carlo Ferdeghini.

  • Al punto 5 si è proceduto al rinnovo dell’unità di ricerca presso terzi (URT) dell’Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS) – Roma presso l’azienda sanitaria locale (ASL) di brindisi.

  • Al punto 6   è stata approvata la costituzione di una URT dell’Istituto di Biologia Bellulare e Neurobiologia (IBCN) presso la fondazione Ebri Rita Levi-Montalcini.

  • Al punto 7 è stata approvata la soppressione della sede secondaria di Roma dell’Istituto di Fisiologia Clinica (IFC) e la sua trasformazione in sede di lavoro.

  • Al punto 8 è stata approvata l’accettazione di una erogazione liberale della prof.ssa Paola Molinari.

  • Al punto 9 nel quadro delle Varie ed Eventuali ho preso atto del fatto che, per il momento, il Magistrato della Corte dei Conti delegato al controllo sull’Ente e il Collegio dei Revisori dei Conti stanno analizzando nel dettaglio l’intreccio di società che sarebbero collegate e che sistematicamente avrebbero ricevuto contratti sotto-soglia. Pur fiducioso che gli organi di vigilanza e controllo rapidamente analizzino i tratti rilevanti della questione ho reiterato la mia richiesta di una commissione che relazioni al CdA e che includa sia personale tecnico/amministrativo sia personale ricercatore/tecnologo. Ho ricordato, infatti, come la trasparenza è la prima risposta a quanto il personale aveva chiesto con forza nei gironi passati e l’istituzione di una commissione, senza sostituire gli organi di vigilanza e controllo, rappresenterebbe invece una risposta di forte assunzione di responsabilità e di volontà di chiarezza, in accordo non solo con tutte le posizioni espresse dal personale, ma anche con quanto sollecitato dal ministro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.