CdA CNR Politica Regolamenti Sintesi

Sintesi del CdA del 9 maggio 2017

Cari Colleghi, lo scorso 9 maggio si è tenuto l’ultimo CdA dell’Ente.

Con riferimento all’OdG (disponibile a questo link) è stato deciso quanto segue:

• Al punto 1 (Comunicazioni del presidente) è stata illustrato il provvedimento di nomina del Presidente di una “commissione di studio per coadiuvare il Presidente nell’individuazione delle soluzioni più opportune per assicurare l’efficienza e la trasparenza delle procedure amministrative del Consiglio Nazionale delle Ricerche”.
Non si tratta della commissione di inchiesta che io avevo chiesto ma anche questa commissione, senz’altro di alto profilo ma interamente composta da persone esterne all’Ente, potrà essere molto incisiva se la segreteria tecnica di supporto, composta da personale interno, sarà adeguata al difficile compito.

• Al punto 2 sono state approvate le modifiche allo Statuto richieste dal DL 218/2016 (cosiddetto decreto Madia). Non è certo lo Statuto che molti di noi avrebbero voluto ma ci sono comunque alcuni miglioramenti rispetto alla prima bozza circolata.
In particolare:
– Non c’è più la modifica dell’art. 15 sull’incompatibilità e quindi resta l’obbligo di aspettativa sia per presidente che per i direttori di dipartimento, istituto, direttore generale ecc..
– Nel Consiglio scientifico, su un totale di dieci membri, vi saranno 3 membri eletti da ricercatori e tecnologi ed essi non saranno più limitati a dirigenti di ricerca e tecnologi, come nella prima bozza.
– Nei consigli scientifici di dipartimento vi saranno 2 membri eletti su 5 componenti, anche in questo caso eletti da ricercatori e tecnologi fra ricercatori e tecnologi in servizio.
– E’ stato soppressa la previsione di incarico a tempo pieno per direttori di istituto e dipartimento, pur mantenendo il limite a due incarichi e rimandando quindi ai regolamenti la definizione del tipo di incarico, e quindi di contratto, per i direttori di istituto e dipartimento.

• Al punto 3 sono state approvate, con il parere favorevole dei CdI interessati la razionalizzazione delle sedi secondarie di Torino e Roma dell’IGAG e IGG e la confluenza nell’ISM delle sedi secondarie di Roma Tor Vergata e Montelibretti dell’ISC. In quest’ultimo caso ho richiesto, come precisato dal CdI dell’ISM, nell’esprimere parere favorevole, che tale operazione non dovesse comportare costi aggiuntivi per quest’ultimo.

• Ai punti 4,5,6 sono state approvate le relative variazioni di bilancio.

• Al punto 7 è stata rettificata, su aspetti puramente formali, una delibera di comando di un dipendente presso il Senato della Repubblica.

• Al punto 8 è stata approvata l’adesione all’associazione denominata “conferenza permanente dei direttori generali degli enti pubblici di ricerca italiani” (CODIGER) per un contributo annuo di 2.500 €.

• Al punto 9, nel quadro delle Varie ed Eventuali ho illustrato le informazioni in mio possesso per quanto riguarda la locazione, da parte del CNR, di un immobile sito in Mangone (CS) di cui si è interessata la trasmissione Striscia la Notizia lo scorso 8 maggio. A tal proposito ho aperto una discussione sul forum a questo link, dove trovate anche i documenti fornitimi dai giornalisti e che era stata più volte richiesta -senza successo- dal precedente Collegio dei Revisori dei Conti.

• Al punto 10, è stata ratificata la convenzione per l’attivazione del Corso di Dottorato (PH.D.) IN DATA SCIENCE tra la Scuola Normale Superiore, l’Università di Pisa, la Scuola Superiore Sant’Anna, la Scuola IMT Alti Studi Lucca ed il Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Lascia un commento