CdA CNR

Articolo di Repubblica sulla valutazione dell’ex DG

Con riferimento alle notizie di stampa apparse oggi, Cnr, un premio da 40.000 euro all’ex direttore generale indagato, nella mia qualità di componente del CdA eletto dal personale preciso quanto segue.

Io non ho votato l’indennità cui si fa riferimento nell’articolo ed ho evidenziato una serie di circostanze che motivavano la mia astensione, in quanto impossibilitato a verificare la validità della proposta.

Specificatamente:

  • è stato omesso fra criteri di valutazione una integrazione, da me proposta nel 2016, e che prevedeva un criterio aggiuntivo sull’incremento del ricavato delle donazioni al CNR con i fondi dell’8 per mille;
  • non è presente nella relazione un riscontro puntuale dei singoli punteggi rispetto agli obiettivi ed è quindi impossibile apprezzarne la validità. Sarebbe quindi opportuno che l’Organismo Indipendente di Valutazione venisse direttamente in CdA per illustrala.;
  • il conteggio della retribuzione andrebbe scorporato in due parti in quanto nel periodo 22 febbraio-3 ottobre il dott. Di Bitetto era facente funzioni e la sua retribuzione massima di risultato era inferiore a quella del restante periodo del 2016, quando era DG pleno iure;
  • ho trovato eccessivamente elevata la parte attribuita con il cosiddetto “feedback 360” (21.9 su 25 punti) che consiste nella raccolta di giudizi di valutazione espressi dal superiore gerarchico, che nella fattispecie è il Presidente, e dai responsabili delle strutture amministrative centrali afferenti alla Direzione Generale.

Per tutte queste ragioni sarebbe stato opportuno sospendere il punto e approfondirlo ulteriormente.

Vito Mocella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.