CdA CNR Ricerca Sintesi

Sintesi CdA del 20 marzo 2018

Cari colleghi, si seguito trovate la sintesi del CdA del 20 marzo 2018 il cui OdG è disponibile qui.

Al punto 3 è stata approvata la variazione di afferenza dell’Istituto di Metodologie Chimiche – (IMC) di Monterotondo dal Dipartimento di Scienze Chimiche e Tecnologie dei Materiali al Dipartimento di Scienze Bio- Agroalimentari, che aveva il parere favorevole del CdI dell’istituto e dei due direttori di Dipartimento coinvolti.

Al punto 4 è stata approvata la soppressione dell’Istituto di Studi sui Sistemi Intelligenti per l’Automazione (ISSIA) di Bari e la confluenza negli Istituti: Istituto Nazionale per Studi ed Esperienze di Architettura Navale (INSEAN), Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente (IREA) e Istituto di Tecnologie Industriali e Automazione (ITIA).
Poiché la maggior parte del personale dell’ISSIA ha manifestato l’intenzione di afferire ad altri istituti, la soppressione dell’ISSIA mi è sembrata scontata.
Ho espresso riserve, invece, in merito ad alcuni aspetti della confluenza perché il CdA ha ricevuto una richiesta da larga parte di personale della sede di Bari destinata a confluire presso l’ITIA che ha dichiarato di voler afferire presso l’istituto ISASI. Ho chiesto che fosse quindi modificata tale confluenza, in modo da rispettare le richieste del personale rendendo così superfluo il ricorso al diritto di opzione. Purtroppo il Consiglio non ha ritenuto di appoggiare la richiesta ed ho pertanto espresso la mia astensione in merito.

Al **punto 5 ** è stata approvata la Proposta di ristrutturazione degli Istituti marini del Dipartimento di Scienze del Sistema Terra e Tecnologie dell’Ambiente, su cui il Consiglio Scientifico ha espresso un parere con raccomandazioni . A tal proposito ho richiesto che il processo, stante la complessità, avvenisse in due fasi come previsto dalla delibera 29/2018 . Ho difatti segnalato che una porzione significativa del personale degli Istituti interessati ha manifestato un forte dissenso rispetto alla soluzione prospettata e articolata in 3 istituti laddove la precedente proposta del direttore del dipartimento, elaborata a valle di un confronto con gli istituti coinvolti e articolata in 2 istituti raccoglieva un più ampio consenso. Larga parte del personale ha infatti manifestato l’intenzione di voler esercitare il diritto di opzione vanificando la proposta presenta. Ho pertanto auspicato che il comitato che sarà istituito a seguito dell’applicazione dei criteri di riorganizzazione di cui alla delibera 29/2018 possa addivenire ad una proposta tale da raccogliere un ampio consenso del personale.

Al punto 6 sono state approvate le consuete variazioni al bilancio preventivo finanziario decisionale per l’esercizio 2018 conseguenti a modifiche ai piani di gestione proposte dai Centri di Responsabilità dell’Ente.

Al punto 7 è stata approvata l’ assegnazione di € 4.171.000,00 a valere sul “Fondo per il finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale” della quota FOE 2017 per la European Synchrotron Radiation Facility (ESRF).

Al punto 8 è stata approvata l’ assegnazione di € 1.850.000,00 a valere sul “Fondo per il finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale” della quota FOE 2017 per la realizzazione del Progetto “Nanoscience Foundry and Fine Analysis” (NFFA).

Al punto 9 è stata approvata l’ assegnazione di € 3.100.000,00 a valere sul “Fondo per il finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale” della quota FOE 2017 per la realizzazione del Progetto “Extreme Light Infrastructure” (ELI), che a partire dal 2017 è transitato dal FOE dell’INFN a quello del CNR.

Al punto 10 è stata approvata l’assegnazione di programmi di ricerca di interesse nazionale” per il finanziamento del progetto China Italy Innovation Forum, di Human Frontier Science Program e di Von Karman Institute, secondo quanto contenuto nella ripartizione tra gli Enti di ricerca, per l’anno 2017, del “Fondo ordinario per gli enti e le istituzioni di ricerca (FOE) e dalla cui tabella allegata al decreto risulta che l’assegnazione al CNR per
–  Progetto ‘China Italy Innovation Forum’
–  Von Karman Institute
–  Human Frontier Science Program
è pari a Euro 450.000,00 è pari a Euro 171.000,00 è pari a Euro 940.000,00.

Al punto 11.1 è stato approvata la proroga del comando di un’unità di personale presso la Corte Costituzionale, per il periodo di un anno, con il trattamento economico fondamentale ed accessorio a carico della Corte Costituzionale.

Ai punti 11.2, 11.3, 11.4 sono stati emanati i bandi di selezione per i Direttori degli Istituti ISTI, IFAC, ITIA, IEIIT, ICAR, ITC, IIT, ISMN, ICB, ITM, IBF, ISM, ISC.
A seguito della rimodulazione della retribuzione dei direttori di cui alla delibera 37/2018 e di cui trovate qui il dettaglio della distribuzione dei punteggi attribuiti ai vari istituti.
A tal proposito ho inoltre ribadito quanto già segnalato oltre un anno fa, che esistono numerosi bandi emanati dal CdA da tempo e non ancora espletati, in contrasto con i regolamenti.
A titolo di esempio ho ricordato che il bando di selezione del Direttore dell’Istituto di Ricerca sulle Acque (IRSA) n. 364.221 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 59 del 4 agosto 2015, che ad oggi non è stato ancora espletato. Ho raccomandato pertanto, che il CdA venga informato dello stato di tutti i bandi emessi e non espletati e delle motivazioni di tale situazione. Ho ribadito, inoltre, che ai sensi del regolamento la nomina dei direttori facenti funzione deve essere limitata al tempo strettamente necessario all’espletamento dei bandi da direttore.

Al punto 11.5 sono state approvate alcune assunzioni a tempo indeterminato di personale appartenente alle categorie protette di cui all’art.1 L. n. 68/99 – Applicazione art. 7, comma 6, Legge n. 125/2013.

Al punto 11.6 è stata approvata la Valutazione annuale del Direttore Generale per l’ Anno 2016 di cui ho giò riferito in una precedente comunicazione .

Al punto 11.7, è stata approvata la proposta di revisione dei criteri generali di valutazione dei titoli per i concorsi relativi all’assunzione di personale con profili di Dirigente Tecnologo – I Tecnologo e Tecnologo. A tal proposito ho evidenziato l’anomalia della figura professionale del tecnologo che al CNR svolge attività Organizzativo-gestionale e Giuridico-amministrativo, attività che non è possibile ricondurre ai profili professionali individuati nell’allegato 1 del DPR 171/1991 e che presentano delle sovrapposizioni con altri profili professionali quali quelli del funzionario di amministrazione.

Al punto 12.1 è stata rinviata l’approvazione della stipula della convenzione operativa per uso spazi tra il Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università degli Studi di Perugia e il CNR – Istituto Officina Dei Materiali (IOM).

Al punto 12.2 è stata rinviata la stipula della convenzione operativa per uso spazi tra il Dipartimento di fisica dell’Università degli studi di Trento e il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Fotonica e Nanotecnologie (IFN) .

Al punto 12.3 è stata approvata la stipula della Convenzione operativa per uso spazi tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto di Scienza e Tecnologia dei Materiali Ceramici (ISTEC) e l’Università di Bologna – Alma Mater Studiorum.

Al punto 12.4 è stata approvata la convenzione tra il Dipartimento Scienze Bio- Agroalimentari CNR e la Fondazione Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci-Must, per la realizzazione di un programma di diffusione della cultura scientifica nel settore agroalimentare.

Al punto 13, nelle varie ed eventuali, ho ricordato l’impegno assunto nello scorso mese di dicembre di discutere la prorogabilità degli assegnisti di ricerca che hanno i requisiti per rientrare nel processo di stabilizzazione, ai sensi del Decreto Madia. Il presidente ha confermato l’intenzione di portarlo all’attenzione del CdA previsto per il 12 aprile 2018.

Lascia un commento