CdA CNR Sintesi

Sintesi – CdA del 12 giugno 2018

Cari Colleghi, di seguito trovate la sintesi del CdA del giorno 12 giugno 2018, OdG è qui disponibile.

Al punto 3 è stato ratificato un decreto del presidente che riguarda la partecipazione del CNR alla costituzione dell’Associazione Big Data, con sede in Bologna (BO) per cui è previsto un onere annuale per il CNR di 5000.00€ (DECRETO D’URGENZA 0036614/2018)

Al punto 4 sono state approvate le consuete variazioni al preventivo finanziario decisionale per l’esercizio 2018 proposte dai centri di responsabilita’ dell’ente.

Al punto 5 è stata approvata la variazione di bilancio   sul fondo per il finanziamento di programmi di ricerca di interesse nazionale per il progetto: E-RIHS. Si tratta di 400.000€ suddivise in :
-258.653,00 € per “l’implementazione di progetti della Roadmap Europea ESFRI” al Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale ed in particolare per Joint Research Unit (JRU), denominata E-RHIS.it attraverso la ricognizione, l’ottimizzazione e la sistematizzazione di risorse dei membri della JRU;
-i restanti € 141.347,00 sono desinati all’Istituto Nazionale di Ottica – INO al fine di assicurare la partecipazione attiva del nodo nazionale E-RIHS-IT al processo di costruzione dell’infrastruttura di ricerca europea, garantendo al contempo il coordinamento e lo sviluppo delle attività necessarie per la costituzione di E-RIHS.it

Il punto 6.1 riguardante determinazioni in merito alla sede dell’istituto di scienze neurologiche (ISN) di Piano Lago – Mangone (CS) è stato Rinviato per essere poi approvato nella successiva seduta del 20 giugno.

A punto 6.2 è stata approvata la Convenzione operativa della Convenzione Quadro tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche dell’Università degli Studi di Milano finalizzati a regolare i reciproci rapporti ed utilizzare gli spazi siti presso il Polo Centro Studi universitario da destinare a diversi Istituti CNR. L’Università si impegna a mettere a disposizione del CNR in totale mq 2.048,89 i la manutenzione ordinaria dei locali, i servizi di acqua, energia elettrica, riscaldamento, portineria, pulizia, smaltimento rifiuti, vigilanza e telefono, occorrenti per il funzionamento delle sedi medesime, alle condizioni specificate all’art. 3 lettera b). Il CNR si obbliga a provvedere ad un versamento di un contributo annuo pari a € 291.784,10 complessivi.

Al punto 6.3 è stata approvata la Convenzione operativa della Convenzione Quadro tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche (IBB-CNR) ed il Centro Interdipartimentale di Ricerca per le Biotecnologie Molecolari – MBC dell’Università degli Studi di Torino per l’importo complessivo di € 400,00 annui, per la compartecipazione alle spese di gestione degli spazi.

Al punto 6.4 è stata approvata la Convenzione operativa della Convenzione Quadro tra il Consiglio Nazionale delle Ricerche (IGG-CNR) ed il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Torino per l’ uso di spazi, per l’importo complessivo di € 300,00 annui.
.

Al punto 7 è stata rinnovata l’Unità di Ricerca presso Terzi (URT) dell’Istituto di Bioscienze e Biorisorse (IBBR) – Bari, presso Metapontum Agrobios dell’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in Agricoltura (ALSIA) – Matera,

Al punto 8 è stato approvato il comando di un’unitò di personale presso l’ISPRA.

Al punto 9, ho ricordato la situazione delle società partecipate : emblematica quella di Principia SGR, da cui l’Ente ha deliberato di fuoriscire dal lontano 2012 e sulla cui gestione della fuoriscita avevo sollevato dubbi giò nel febbraio del 2016. In particolare il rispetto delle norma (art 9 comma 4 DL175/2016 ) secondo cui l’organo di governo (il Consiglio di Amministrazione) esercita i diritti del socio nella gestione delle società partecipate, fondazioni ecc., è al momento del tutto (o quasi) disatteso.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.