Non ne posso piu’ di tutta questa burocrazia!

Forum Argomenti CNR Non ne posso piu’ di tutta questa burocrazia!

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 6 partecipanti, ed è stato aggiornato da  BBN 4 mesi, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #1630

    deleonibus@igb.cnr.it
    Partecipante

    Fare un ordine è diventato un incubo, motivazioni complesse, giustificazioni, cig, pig, tag, data antecedente e successiva al preventivo. Non controlliamo direttamente quanto spendiamo sui nostri fondi, dobbiamo prenotarci hotel da soli, anticipare a nostro carico, non possiamo risparmiare con appartamenti condivisi, tutto questo a fronte di 0 euro ricevuti dal CNR per fare ricerca. Tutto sui nostri fondi esterni. Basta con questa burocrazia, sarebbe già un grosso passo.

    A questo proposito cè un interessante articolo su Roars: http://www.roars.it/online/non-e-la-rai-una-semplicissima-soluzione-a-tutti-o-quasi-i-problemi-delluniversita-italiana/

    Il presidente in un articolo recente ha detto che sarebbe bello poter fare chiamate dirette come l’IIT, ma sarebbe bello anche avere un’amministrazione fluida, che supporti la ricerca (invece di ostacolarla), un grant office che funzioni.

    A questo proposito cosa fa il grant office del CNR? Come mai non riceviamo mai avvisi riguardanti bandi Europei (a limite arrivano ai direttori, quando arrivano), pre-call, incontri, inviti?

  • #1712

    CNR29
    Partecipante

    Ma a me non risulta che il CNR abbia un grant office! Credo che siano state fatte proposte in merito in passato ma mai raccolte …

  • #2147

    CNR62
    Partecipante

    A proposito di burocrazia.
    Mi chiedevo se un Direttore di Istituto possa rifiutare di firmare la richiesta di finanziamento ( in risposta ad un bando pubblico) da parte di un ricercatore.

  • #2200

    de Robertis
    Partecipante

    Rispondendo alla collega di IGB: nel piano della performance 2017-2019, fra gli obiettivi del’ufficio relazioni europee e internazionali appare “supporto alla rete scientifica e relative azioni per presentazione progetti UE finalizzato all’incremento della partecipazione CNR a H2020”. In effetti, alcuni colleghi della sede centrale forniscono consulenza sui progetti europei ma non esiste un servizio articolato e strutturato come immagino tu intenda.

    E per stare in tema con il titolo dell’intervento, vorrei segnalare che tra le semplificazioni del D. Lgs. n. 218/2016, ce n’e’ una di piccolo calibro che non mi pare sia ancora stata recepita dal cnr. Si tratta di un articolo sulle missioni (art. 13 c. 1 lett c) che si applicherebbe nell’ambito dei progetti di ricerca collaborativi con altre istituzioni. L’articolo dice: “le norme sul rimborso delle spese per missioni fuori sede si estendono al personale italiano o straniero che partecipa al progetto di ricerca sui cui finanziamenti grava il costo della missione.”
    Sembrerebbe quindi che ci siano le basi per rimborsare spese di trasferta al personale dei nostri partner senza ricorrere a formalita’ e procedure di altro tipo. Ho mandato un quesito in merito alla sede cnr a maggio 2017, prima al dr. Collacchi poi alla d.ssa Carinci, la quale mi ha risposto che “e’ evidente che stiamo rivedendo il disciplinare per le spese di trasferta” ma finora non se n’e’ saputo piu’ nulla e il manuale delle trasferte non e’ variato in questi mesi. L’idea di base della norma forse e’ che nell’ambito di un progetto collaborativo i partner hanno di fatto hanno un rapporto tra loro perche’ svolgono assieme lo stesso progetto comune, a cui sono vincolati dal contratto e dalle regole dei finanziatori e pertanto il rapporto giuridico sebbene temporaneo esiste e puo’ configurare i partecipanti come “associati” di fatto.
    Non resta che attendere.

  • #2246

    BBN
    Partecipante

    meno burocrazia? a giudicare dalle informazioni che circolano riguardo alla Nuova Piattaforma Gestione delle Trasferte non sembra proprio che sia quello il nostro futuro… l’apertura e chiusura delle missioni a quanto pare dovrà essere effettuata con le proprie credenziali siper, immettendo tutti i dati che normalmente vanno sul modulo pdf attraverso una apposita pagina web (e fin qui tutto ok). Alla chiusura della missione però il dipendente deve predisporre una richiesta di rimborso per ogni categoria di spesa (per esempio una richiesta di rimborso per l’iscrizione al convegno, una per l’autovettura di servizio/mezzo proprio, una per il treno, una per l’aereo, una per i pasti, etc., etc.) allegando in ciascuna tutti i giustificativi di spesa corrispondenti scannerizzati (dopo aver anche verificato il cambio effettivo per le spese in valuta). Quindi a un Ordine di Missione corrisponderanno almeno 4-5 Richieste di Rimborso e pdf allegati… ma l’amministrazione cosa ce l’abbiamo a fare?!

    p.s. ah, dimenticavo, ovviamente la stessa cosa va fatta anche per le missioni degli assegnisti/associati alle proprie dipendenze…

  • #2248

    Michele L.
    Partecipante

    Per me invece è giusto così, finiranno finalmente (spero)
    i trattamenti differenziati all’interno degli Istituti a seconda del cognome
    o di altri caratteri distintivi di appartenenza a club più o meno esclusivi.

    p.s. sei comunque fortunato,
    io non ho assegnisti/borsisti “alle mie dipendenze” 🙂

  • #2256

    BBN
    Partecipante

    beh, calcolando che ci sono dirigenti che fanno anche più di una missione a settimana, se devono preparare tutti i pdf separatamente su ciascuna voce di spesa penso che un bel po’ del loro tempo lo perderanno appresso a burocrazia inutile (perchè poi non richiedere un pdf unico?), e che comunque dovrebbe eventualmente essere tra i compiti degli amministrativi che si occupano delle missioni (che hanno un costo orario nettamente inferiore a quello di un ricercatore o di un dirigente). Anche questi sono ‘sprechi’. Inoltre al danno si aggiunge la beffa per cui i responsabili dei fondi devono fare il lavoro degli ammnistrativi e gli amministrativi hanno a quel punto esclusivamente il ruolo di passacarte e controllori (cioè verificare la copertura su sigla e far firmare al direttore…) allora perchè non prevedere in automatico un controllo della copertura economica da parte del sistem informatico?

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.